Lorenzo Affatato

Biografia

Lorenzo Affatato è nato a Tortona (AL) nel 1982 dopo aver vissuto per oltre 37 anni ad Alessandria si è trasferito a Castellazzo Bormida (AL). Il suo percorso artistico nasce all’età di 8 anni, a casa dei nonni materni, dove erano appesi alcuni quadri di Pietro Morando, noto pittore alessandrino. Rimase affascinato dalla semplicità del suo tratto, che nascondeva un qualcosa di fiabesco. Iniziò a coltivare questo canale di comunicazione che lo ha portato all’età di 13 anni, su incentivo anche dei genitori, a fare studi artistici, scelse dunque l’indirizzo “arte del legno” dell’Istituto Statale d’Arte “Jona Ottolenghi”, ad Acqui Terme (AL), con l’intento di fare qualcosa di più variegato e progettuale per il tipo di materie proposte nel corso. Lorenzo si è distinto in tutte le materie, disegno dal vero, plastica, disegno geometrico, disegno professionale, laccatura e laboratorio, meritando più volte l’esposizione delle sue opere all’ingresso dell’istituto. All’età di 17 anni con la morte del nonno, per il legame che c’era tra i due, ebbe un forte blocco motivazionale che si concretizzò, dopo la maturità conseguita in arti applicate, con la mancata ammissione al corso di disegno industriale a Genova. Abbandonò quindi momentaneamente il disegno e cambiò strada per l’interesse che aveva per la scienza e scelse il corso di scienze ambientali nella triennale e poi studio e gestione degli ambienti naturali e antropizzati nella specialistica. Nel 2007 iniziò un lavoro con ruolo non coerente con gli studi fatti, ma che gli permise di coltivare la sua autonomia e iniziare una nuova crescita personale. In quegli anni era la famiglia che gli ricordava la passione per il disegno e la pittura, riavvicinandolo poco alla volta. Il blocco dunque si trasformò nuovamente in un canale di comunicazione per le sue emozioni, in parte un antidoto per i veleni che si portava dentro, una nuova forza motivante attraverso i colori. La mamma, che gli ripeteva spesso che avrebbe potuto fare una mostra se avesse proseguito su quella strada, nel 2018 è venuta a mancare. A dicembre 2019 insieme al gruppo di artisti chiamato “Casualismo”, Lorenzo ha partecipato alla mostra nel castello di Castelnuovo Scrivia (AL), dedicando la sua prima esposizione alla mamma. Attualmente è attivo in progetti di vario genere con i “casualisti” e per conto proprio. La pittura rimane un punto fermo della sua personalità espressiva, approfondendo tematiche quali la Cromoterapia, feng shui, arteterapia, decorazioni e restauro.

Emozione determinante


Opera candidata nell'edizione 2020 del Premio Mestre di Pittura.


"l'opera rappresenta un contadino che porta il trattore, il suo nome era Franco, ritratto dalla mia visuale mentre andavamo ad arare un campo; le emozioni che ho cercato di riassumere nel quadro identificano la stabilità e la gioia di vivere che mi legavano a lui, nonché l'importanza come guida di vita che questa persona ha avuto per me".

Lorenzo Affatato, Emozione determinante,
2020, olio su tela, 40 x 60

Contatti dell’autore
lorenzo.affatato@gmail.com
Facebook – Lorenzo Affatato
Telegram: @ziolollo82
Instangram: lorenzoaffatato